Accueil images La Falena

La Falena

0
0
157

IMG_0631

La Falena

per Luca Ariano

 

Tremante
la calura d’agosto
spezza lo spettro dei colori
come attraverso lo schermo d’un’acqua
torbida

 Rimane soltanto un giallo così denso
che nell’occhio che lo fugge
imprime il palpitante bagliore
d’un ombra di sangue

 *

L’odore d’inchiostro ondeggia
nella stanza
buia
e silenziosa
come il fondo del mare

 Sfogliando le pagini
animi effimeri spettri
frementi pesci somnambuli
nati dal polverio d’oro
che ti circonda

sotto il pugno del sole
il mondo ti sembra fermo
vuoto come la strada rimbombante di luce
dietro la chiusa palpebra delle persiane
le cui ciglia
disegnano dietro di te
la nera griglia d’un cancello

 Il  sole gira
anche in casa
l’ombra tinge d’inchiostro
le cose zitte
nello spazio asfissiato 

*

Dietro le chiuse saracinesche
un rumore di metallo schiocca
verde

 Fuochi d’artificio di Ferragosto
Grida di nevischio solare

 Gli aspri cristalli di  neve al limone
pungono
schegge di vetro frantumato
la tua lingua  abbagliata
dal ghiaccio pestato

* 

Sull’ocra del muro stamattina
scopri morta la farfalla notturna
grande come il palmo della tua mano

 e l’oro arancio del suo vellutato corpo
svaniva man mano che tu la guardavi

Alla sera
dopo il banchetto delle vespe
era rimasto soltanto il sottile merletto grigio
dell’ala impalpabile

*

Nell’ardente bavaglio dell’ombra
la lampada è fiore di fuoco
dove si consumano le falene

 Stasera la burrasca dentro di te
esplode
come nella bocca -
sciolto il ghiaccio che la trattiene -
l’amara Granita
siciliana.

 

Charger d'autres articles liés
Charger d'autres écrits par marilyne bertoncini
Charger d'autres écrits dans images

Laisser un commentaire

Consulter aussi

Pas d’oiseaux ce matin…

. Pas d’oiseaux, ce matin. Il fait trop chaud, dis-tu : Les oiseaux, comme nous, s&r…